Le 5 cose che nessuno ti racconterà mai su Francesco I

Francesco I de’ Medici, uno dei più interessanti e discussi membri della famiglia, aveva due sole passioni nella vita, l’Alchimia e Bianca Cappello. Quale delle due amasse di più è difficile da capire ma è certo che entrambe lo hanno condotto alla morte.

Grazie all’aiuto di Stefano Corazzini, autore del libro Il granduca innamorato. Francesco I e Bianca Cappello nella Firenze del Cinquecento che verrà presentato in Palazzo Vecchio questo venerdì 26 gennaio alle ore 17.30, vi raccontiamo cinque curiosità poco conosciute sul primogenito di Cosimo I de’ Medici.

.

Chi era Francesco I de’ Medici?

Primo figlio maschio di Cosimo I granduca di Toscana, eredita un titolo e uno Stato che non riuscirà ad amministrare in maniera efficace. Il buon nome dei Medici e il lavoro di una vita di Cosimo I, rischia di esser rovinato dopo una sola generazione e questo Ferdinando non lo può accettare.

.

Com’era il rapporto con il padre e con la famiglia?

Francesco non ha né il carattere, né la volontà del padre. Passa la maggior parte del tempo nei suoi laboratori circondato da studiosi e collaboratori che lo fanno eccellere nelle arti ma non nella politica.

.

Come governò Francesco?

Senza discutere Francesco scelse di seguire l’etichetta imposta dalla corte e di assumersi le proprie responsabilità come discendente diretto; sposa la donna che il padre aveva scelto per lui e cerca in ogni modo di garantire continuità alla stirpe. In realtà, le sue sole passioni erano l’Alchimia e Bianca Cappello.

.

Francesco è morto di malaria o è stato avvelenato?

Tale è l’interesse della morte di Francesco che molti studiosi hanno provato a sciogliere il mistero eppure, nemmeno la scienza moderna riesce a dare una risposta definitiva. Ferdinando, successore al titolo di Granduca dopo la morte del fratello, rimane ancora oggi il primo e unico indiziato.

.

Che cosa hanno lasciato Francesco I e Bianca a Palazzo Vecchio?

Due sono gli ambienti di Palazzo Vecchio che ci parlano di Francesco e di Bianca, entrambi particolari, costruiti e decorati appositamente per loro, privati, curiosi, esclusivi: lo Studiolo e lo Scrittoio sul terrazzo.